Infiltrazioni d’acqua dal tetto: come risolvere definitivamente

Uno dei problemi che più affligge i proprietari di unità immobiliari ubicate sotto la copertura dell’edificio è costituito dalle infiltrazioni d’acqua piovana, che si manifestano ormai sempre più frequentemente e che possono costituire una grande fonte di disagio, provocando ingenti danni sia nell’immediato che nel lungo periodo.

Il deterioramento dello strato impermeabilizzante delle superfici, come ad esempio coperture e pareti, è un fattore spesso sottovalutato, dando come risultato lavorazioni veloci e superficiali, oltre ad una fase di manutenzione molte volte carente o del tutto assente. 

Tutto questo impedisce alla struttura un isolamento completo, e l’acqua può così infiltrarsi facilmente, accumulandosi all’interno dei muri e provocando danni strutturali, muffe e funghi.

Un intervento di impermeabilizzazione integrale, realizzato in caso di nuova costruzione oppure in sede di ristrutturazione, è garantito per legge 10 anni

Per evitare problematiche future (e mettere così al riparo il cliente) la durata dell’intervento dovrebbe essere assicurata per almeno 25 anni: per poter garantire una durata dell’impermeabilizzazione pari ad una generazione, bisognerà mettere in atto una serie di interventi di controllo e di manutenzione continui:

  • Monitoraggio della copertura, con pulizia mensile dei bocchettoni di scarico.
  • Pulizia annuale di pozzetti e condotti fognari.
  • Rimozione di verde infestante, fogliame e terriccio ogni qual volta si manifestino, verificandone le cause (lo stucco mancante o danneggiato della pavimentazione può comportare l’accumulo di terriccio, le tegole rotte o smosse possono provocare l’insorgere di ammassi di sporcizia).
  • Verifica annuale di parapetti o prospetti presenti sulla copertura, al fine di rilevare l’eventuale presenza di lesioni dell’intonaco, e conseguente intervento di risanamento degli stessi.

Un’impermeabilizzazione a “regola d’arte”

In caso di infiltrazioni nel tetto, sarà importante agire tempestivamente, rivolgendosi ad aziende competenti e professionali.

Per realizzare un intervento di impermeabilizzazione perfetto, sarà necessario utilizzare guaine bituminose di buona marca, che abbiano uno spessore adeguato e flessibilità al freddo certificata UNI 1109, le quali verranno applicate da posatori specializzati.

Anche la preparazione dei supporti orizzontali e verticali è basilare: dovranno essere ben livellati, con gli angoli di raccordo tra sottofondo e paramento arrotondati, mentre il verticale di guaina dovrà risultare ben intonacato. Inoltre, sottofondo, massetto e mattonelle dovranno essere dotati di giunti adatti e funzionali, i quali dovranno assicurare una giusta dilatazione dei diversi elementi costruttivi messi in opera.

Il periodo migliore per eseguire questo tipo di interventi è quello primaverile ed estivo: l’impermeabilizzazione viene eseguita per limitare le infiltrazioni d’acqua, e lavorare nei periodi caratterizzati da frequenti precipitazioni non è certamente la soluzione ideale.

 

  • Share