Lavori su funi nell’edilizia: sicurezza e i rischi correlati, tutto quello che c’è da sapere

Osservare gli operatori che lavorano utilizzando le tecniche su fune, tipiche dell’edilizia acrobatica, è un’esperienza sicuramente diversa rispetto alle più tradizionali lavorazioni che avvengono tramite ponteggi ed impalcature, ed il senso di novità e sorpresa che ne scaturisce è qualcosa di piuttosto comune: gli operai dell’edilizia acrobatica compiono infatti una serie di operazioni complicate con estrema naturalezza, nonostante si tratti di azioni che richiedono competenza, precisione ed estrema attenzione.

L’edilizia su fune si occupa di tutti quegli interventi ad alta quota che normalmente prevedono i ponteggi, senza però utilizzarli: grazie infatti ad un sistema di funi e corde agganciati alla linea vita, con l’edilizia acrobatica è possibile raggiungere anche i punti più alti ed impervi di un edificio, con una serie di benefici in termini economici e logistici.

Le tecniche dell’edilizia acrobatica, derivanti da alpinismo ed arrampicata, permettono di muoversi in totale sicurezza, senza che ci sia il pericolo di caduta durante lo svolgimento degli interventi; qualsiasi tipologia d’intervento edile eseguito con i metodi acrobatici devono infatti rispettare le norme di sicurezza previste dalla legge, e gli operatori devono affrontare dei corsi specifici di formazione per poter lavorare ad alta quota, ottenendo così il certificato di abilitazione per i lavori su corda: esiste in merito il Decreto Legislativo n. 81/2008, testo coordinato con il Decreto Legislativo n. 106/2009, facente parte del Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro.

Attraverso l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori (AIFOS) è possibile ottenere la formazione necessaria per la qualifica di addetto ai sistemi di accesso e posizionamento mediante funi, che darà come risultato un team di operatori altamente specializzati ed in grado di lavorare in assoluta sicurezza.

Gli operai che lavorano nell’edilizia acrobatica utilizzano una serie di strumenti che permettono la mobilità in alta quota, con la sicurezza come primo obiettivo: attraverso l’utilizzo di imbragature di sicurezza, casco, guanti, scarpe speciali, corde e moschettoni da arrampicata, è possibile eseguire ogni tipo di intervento ad altezze elevate, senza che l’operatore possa mai trovarsi in pericolo.

Il sistema attraverso il quale si realizzano le lavorazioni acrobatiche prevede la cosiddetta doppia fune in sicurezza, dove la prima fune serve al posizionamento (quella insomma deputata al lavoro vero e proprio), mentre la seconda prevede la protezione anticaduta, occupandosi in questo modo della sicurezza dell’operatore.

Inoltre, il Decreto Legislativo 81/2008 prevede una serie di obblighi per il datore di lavoro ed i diritti dei lavoratori, che includono la valutazione dei rischi e la nomina di figure che si occuperanno dell’antincendio e del primo soccorso; tutte le attività che prevedono il controllo e la gestione dei rischi sul cantiere sono di vitale importanza per le imprese, visto che nel settore edilizio, proprio per la sua natura specifica, possono verificarsi infortuni di notevole entità.

EDILFUNI è una società seria e molto interessata, nonché impegnata, nell’applicare con grande zelo tutte le norme e le leggi previste dallo Stato italiano in termini di sicurezza e prevenzione dei rischi, avendo sempre come obiettivo il poter realizzare un servizio di grande qualità che possa garantire il rispetto della salute e della sicurezza dei dipendenti.

  • Share

Leave A Comment